lug 13, 2021
lug 13, 2021

La nazione ospitante è avvantaggiata alle Olimpiadi?

Perché le nazioni che ospitano le Olimpiadi sono avvantaggiate?

Prestazioni dei Paesi organizzatori di Olimpiadi recenti

Quante medaglie vincerà il Giappone alle Olimpiadi di Tokyo 2020?

Fatti e statistiche sulle Olimpiadi

La nazione ospitante è avvantaggiata alle Olimpiadi?

Molti concordano sul fatto che la nazione organizzatrice delle Olimpiadi dovrebbe ottenere risultati molto migliori del solito, conquistando un maggior numero di medaglie e piazzandosi più in alto nel medagliere. Il motivo si può rintracciare studiando le edizioni precedenti? Perché ci si aspetta che le nazioni ospitanti abbiano risultati migliori e in che modo questo potrebbe influenzare alcune nazioni alle Olimpiadi di Tokyo 2020? Scoprilo continuando a leggere.

Perché le nazioni che ospitano le Olimpiadi sono avvantaggiate?

Le nazioni che ospitano le Olimpiadi tendono a vincere più medaglie del consueto per una serie di motivi diversi. Innanzitutto, è probabile che la maggior parte del pubblico degli eventi sostenga gli atleti della nazione di origine, fornendo loro un'ulteriore spinta motivazionale che potrebbe rivelarsi decisiva negli sport che spesso si vincono con margini minimi.

Non solo le nazioni organizzatrici tendono ad aumentare i propri finanziamenti per gli atleti, ma possono presentare molti più atleti.

Gli atleti della nazione di casa hanno la possibilità di abituarsi molto più facilmente ai luoghi e alle strutture che ospitano gli eventi, nonché al clima per gli sport all'aperto. Tra l'altro, non dovranno affrontare una lunga trasferta, quindi saranno meno suscettibili alla fatica del viaggio, al jet lag e a fattori analoghi che potrebbero incidere negativamente sulle prestazioni e la preparazione degli atleti.

Inoltre, nell'investire ingenti somme di denaro per la preparazione dell'evento, gli organizzatori delle Olimpiadi spesso incrementano i finanziamenti per gli atleti in vista dei Giochi, nel tentativo di garantire che riescano a vincere molte medaglie proprio nell'occasione in cui il loro Paese ospita la manifestazione.

Ad esempio, l'organizzazione olimpica britannica Team GB ha speso 58,9 milioni di sterline per finanziare gli atleti nei quattro anni precedenti a Sydney 2000. Per il periodo di quattro anni precedente a Londra 2012, la cifra era salita a 264 milioni di sterline, concentrandosi su eventi come il ciclismo e il canottaggio, nei quali la Gran Bretagna avrebbe dovuto vincere più medaglie.

Come la ricerca ha dimostrato, gli arbitri assumono decisioni più favorevoli alle squadre di calcio, basket e baseball che giocano in casa. Analogamente, è probabile che anche gli atleti della nazione di origine in gara in eventi che comportano decisioni soggettive come il pugilato, la ginnastica e alcuni sport di squadra possano contare su un vantaggio analogo.

La nazione ospitante, inoltre, è qualificata automaticamente in ogni evento: questo significa che può iscrivere un numero molto maggiore di atleti del solito e ha quindi molte più opportunità di vincere medaglie.

In effetti, gli ultimi 10 Paesi organizzatori delle Olimpiadi hanno iscritto, in media, 186 atleti in più rispetto alle precedenti Olimpiadi a cui hanno partecipato. Più di recente, il Brasile ha partecipato a Rio 2016 con 465 atleti rispetto ai soli 258 di Londra 2012.

Prestazioni dei Paesi organizzatori di Olimpiadi recenti

Nazione ospitante

Numero di medaglie alle Olimpiadi precedenti

Numero di medaglie alle Olimpiadi in cui è Paese organizzatore

Numero di medaglie alle Olimpiadi successive

Canada (1976)

Oro: 0 Arg: 2 Br: 3
Totale: 5 Classifica: 27

Oro: 0 Arg: 5 Br: 6
Totale: 11 Classifica: 27

Ha boicottato

URSS (1980)

Oro: 49 Arg: 41 Br: 35
Totale: 125 Classifica: 1

Oro: 80 Arg: 69 Br: 46
Totale: 195 Classifica: 1

Ha boicottato

Stati Uniti (1984)

Ha boicottato

Oro: 83 Arg: 61 Br: 30
Totale: 174 Classifica: 1

Oro: 36 Arg: 31 Br: 27
Totale: 94 Classifica: 3

Corea del Sud (1988)

Oro: 6 Arg: 6 Br: 7
Totale: 19 Classifica: 10

Oro: 12 Arg: 10 Br: 11
Totale: 33 Classifica: 4

Oro: 12 Arg: 5 Br: 12
Totale: 29 Classifica: 7

Spagna (1992)

Oro: 1 Arg: 1 Br: 2
Totale: 4 Classifica: 25=

Oro: 13 Arg: 7 Br: 2
Totale: 22 Classifica: 6

Oro: 5 Arg: 6 Br: 6
Totale: 17 Classifica: 13

Stati Uniti (1996)

Oro: 37 Arg: 34 Br: 37
Totale: 108 Classifica: 2

Oro: 44 Arg: 32 Br: 25
Totale: 101 Classifica: 1

Oro: 37 Arg: 24 Br: 32
Totale: 93 Classifica: 1

Australia (2000)

Oro: 9 Arg: 9 Br: 23
Totale: 41 Classifica: 7

Oro: 16 Arg: 25 Br: 17
Totale: 58 Classifica: 4

Oro: 17 Arg: 16 Br: 17
Totale: 50 Classifica: 4

Grecia (2004)

Oro: 4 Arg: 6 Br: 3
Totale: 13 Classifica: 17

Oro: 6 Arg: 6 Br: 4
Totale: 16 Classifica: 15

Oro: 0 Arg: 2 Br: 1
Totale: 3 Classifica: 60=

Cina (2008)

Oro: 32 Arg: 17 Br: 14
Totale: 63 Classifica: 2

Oro: 48 Arg: 22 Br: 30
Totale: 100 Classifica: 1

Oro: 38 Arg: 31 Br: 22
Totale: 91 Classifica: 2

Gran Bretagna (2012)

Oro: 19 Arg: 13 Br: 19
Totale: 51 Classifica: 4

Oro: 29 Arg: 17 Br: 19
Totale: 65 Classifica: 3

Oro: 27 Arg: 23 Br: 17
Totale: 67 Classifica: 2

Brasile (2016)

Oro: 3 Arg: 5 Br: 9
Totale: 17 Classifica: 22

Oro: 7 Arg: 6 Br: 6
Totale: 19 Classifica: 13

Continua

Giappone (2020)

Oro: 12 Arg: 8 Br: 21
Totale: 41 Classifica: 6

Continua

Degli ultimi 10 Paesi organizzatori delle Olimpiadi, sette hanno ottenuto il loro miglior piazzamento nel medagliere, sei hanno vinto il maggior numero di medaglie mai conquistate in una singola Olimpiade e cinque hanno conquistato il maggior numero di ori mai vinti in una singola Olimpiade. Il Canada nel 1976 è l'unica nazione ospitante nella storia delle Olimpiadi a non aver vinto almeno una medaglia d'oro. Inoltre non si è piazzata tra le prime 20 del medagliere nell'anno in cui le ha ospitate.

In particolare, tralasciando gli Stati Uniti che hanno boicottato Mosca nel 1980, otto delle precedenti 10 nazioni ospitanti hanno migliorato la loro posizione nel medagliere alle Olimpiadi in cui sono state Paese organizzatore rispetto all'edizione precedente. Le eccezioni sono il Canada nel 1976 e l'URSS nel 1980, che invece hanno mantenuto le proprie posizioni (sebbene il suddetto boicottaggio statunitense abbia reso questo compito molto più facile a quest'ultima).

Le ultime nove nazioni che hanno ospitato le Olimpiadi hanno vinto il 5,35% delle medaglie totali ai Giochi che hanno ospitato.

Forse non sorprende che tutte queste nazioni, tranne una, abbiano anche migliorato il loro numero complessivo di medaglie. L'unica eccezione sono stati gli Stati Uniti ad Atlanta 1996, che tuttavia hanno aumentato il numero di ori da 37 a 44.

Escludendo le cifre presumibilmente gonfiate dell'URSS a Mosca 1980, le ultime nove nazioni ospitanti che hanno partecipato alle precedenti Olimpiadi hanno migliorato, in media, il loro numero di medaglie rispetto a quattro anni prima di 11,77 medaglie. Il miglioramento si è osservato soprattutto nel numero di medaglie d'oro, dove le nazioni ospitanti hanno avuto un aumento medio totale di 7,11. Poiché le medaglie d'oro sono il primo dato preso in considerazione per la classifica del medagliere, questo spiega il costante miglioramento del piazzamento delle nazioni ospitanti nella classifica.

Vale la pena sottolineare che il numero di eventi alle Olimpiadi è passato da 198 a Montréal 1976 a 306 a Rio 2016, supportando naturalmente l'impegno di una nazione per vincere più medaglie. In tutte, tranne una, delle ultime 10 Olimpiadi si sono svolti più eventi rispetto all'edizione precedente. In media, nel periodo, vi è stato un aumento di 10,8 eventi a Olimpiade.

Tuttavia, sempre escludendo l'URSS a Mosca 1980, anche il numero di medaglie delle ultime nove nazioni ospitanti è aumentato in percentuale sul totale delle medaglie vinte da una media del 4,17% alle Olimpiadi precedenti al 5,35% alle Olimpiadi in cui sono stati Paesi organizzatori.

Contemporaneamente, delle ultime otto nazioni ospitanti che hanno partecipato alle Olimpiadi successive, cinque hanno registrato un calo nel medagliere quattro anni dopo. Le eccezioni sono gli Stati Uniti, che hanno difeso con successo la loro prima posizione a Sydney 2000, l'Australia, che si è classificata ancora quarta ad Atene 2004 e la Gran Bretagna, che, secondo molti, ha superato di gran lunga le aspettative piazzandosi al secondo posto a Rio 2016.

Tralasciando gli Stati Uniti organizzatori dell'edizione di Los Angeles 1984 (dove il loro numero di medaglie è risultato gonfiato a causa del boicottaggio dell'URSS), anche le ultime sette nazioni ospitanti hanno vinto una media di 6,14 medaglie in meno e 5,28 medaglie d'oro in meno alle Olimpiadi successive. Nonostante ciò, quattro di queste si sono classificate in una posizione migliore nel medagliere olimpico dopo le Olimpiadi che hanno organizzato rispetto a quelle precedenti. Questo indica che essere Paese organizzatore contribuisce a incrementare il numero di medaglie a lungo termine.

Un fattore medaglie che non sembra particolarmente influenzato dallo stato della nazione ospitante è il numero di medaglie vinte per atleta. Come accennato in precedenza, le nazioni ospitanti sono spesso qualificate automaticamente a tutti gli eventi e quindi iscrivono molti più atleti rispetto alle precedenti Olimpiadi.

Tuttavia, escludendo l'URSS nel 1980 e gli Stati Uniti nel 1984 per i motivi sopra citati, le ultime nove nazioni ospitanti hanno subito un calo di 0,017 medaglie vinte per atleta, riflettendo una performance negativa molto ridotta su questo fronte.

Quante medaglie vincerà il Giappone alle Olimpiadi di Tokyo 2020?

Tra le nazioni da tenere d'occhio nel medagliere delle prossime Olimpiadi ci sono il Giappone (i padroni di casa) e il Brasile (i precedenti organizzatori). Il Giappone ha conquistato 41 medaglie di cui 12 d'oro a Rio 2016 piazzandosi al sesto posto nel medagliere e, secondo quanto riferito, punterà almeno a un piazzamento tra i primi cinque a Tokyo. Alle ultime cinque Olimpiadi, la nazione che si è piazzata quinta nel medagliere ha ottenuto una media di 15 ori e 41,2 medaglie complessive.

Il Giappone punterà a migliorare le 12 medaglie d'oro conquistate a Rio 2016.

Se il Giappone dovesse avere il margine medio di miglioramento delle recenti nazioni ospitanti, secondo pronostico dovrebbe conquistare 50-55 medaglie, tra cui 18-20 ori. Il Giappone dovrebbe iscrivere 450-500 atleti alle Olimpiadi del 2020, supponendo un totale medio di 475 e sottraendo 0,017 dalle medaglie per atleta del Giappone a Rio si ottiene un totale stimato di 55-60 medaglie con 16-20 ori.

In tal caso il Giappone potrebbe essere fiducioso di potersi classificare almeno al quinto posto, anche se ci saranno 339 eventi a Tokyo, un progresso notevole rispetto ai 306 di Rio, oltre al ritorno e all'esordio di nuovi eventi in cui si prevede che il Giappone dovrebbe avere buoni risultati, tra cui baseball, softball e skateboard. Pertanto, i padroni di casa potrebbero plausibilmente superare questi pronostici e classificarsi in posizione persino migliore.

Nei mercati delle medaglie di Pinnacle, il Giappone dovrebbe conquistare 27,5 medaglie d'oro. La quota per l'over 27,5 è di 2,220* mentre quella per l'under è di 1,617*. Poiché il Brasile ha conquistato un bottino di medaglie simile a Londra 2012 e Rio 2016, considerando il passato, dovrebbe mantenere circa lo stesso numero totale di medaglie, con meno ori. Secondo le tendenze, un totale di 15-20 medaglie con quattro o sei ori rappresenta un risultato probabile per gli ex padroni di casa. La conquista di più di 4,5 medaglie d'oro da parte del Brasile è quotata da Pinnacle a 1,740*.

Pensi che il Giappone sia pronto per risultati eccellenti alle Olimpiadi di Tokyo 2020? Ottieni ottime quote e scommetti su numerosi mercati sulle Olimpiadi e mercati delle medaglie con Pinnacle.

Quote soggette a modifica

Risorse per le scommesse - Migliora le tue scommesse

La sezione Risorse per le scommesse di Pinnacle è una delle raccolte disponibili online più complete di consigli di esperti sulle scommesse. Organizzata per tutti i livelli di esperienza, il nostro obiettivo è semplicemente quello di permettere agli scommettitori di diventare più esperti.