mag 21, 2021
mag 21, 2021

Le più grandi sorprese nella storia del Campionato europeo

Quali sono state le più grandi sorprese nella storia del Campionato europeo?

Le squadre che hanno sfidato le quote nel Campionato europeo

Risultati imprevedibili, sorprese e altro ancora

Le più grandi sorprese nella storia del Campionato europeo

Euro 2020 è ormai alle porte e crescono speranze e attese per tutti i 24 Paesi in competizione. Tuttavia, le nazioni partecipanti dovranno anche tenere conto del fatto che il Campionato europeo è un torneo in cui non mancano grandi sorprese. A questo proposito, ecco alcuni dei risultati più sorprendenti nell'illustre storia della competizione, raccontati con dovizia di particolari.

La storica vittoria dell'Irlanda sull'Inghilterra



Quando la Repubblica d'Irlanda e l'Inghilterra furono sorteggiate nello stesso girone per Euro 1988, erano trascorsi quasi 40 anni dall'ultima vittoria dell'Irlanda. Due anni dopo essere stata eliminata in modo crudele dal Campionato mondiale 1986 per il famigerato goal di Diego Maradona "Mano de Dios", l'Inghilterra era la favorita nella competizione organizzata in Germania Ovest, mentre l'Irlanda era una vera outsider all'inizio del suo primo grande torneo.

Tuttavia, Jack Charlton portò l'Irlanda alla famosa vittoria per 1-0: l'Irlanda andò in vantaggio al sesto minuto, grazie al colpo di testa ben piazzato di Ray Houghton, dopodiché resistette al pressing dell'Inghilterra, iniziando così il torneo con una vittoria.

Il sorprendente risultato segnò il destino di entrambe le squadre: l'Inghilterra finì ultima del Girone 2, con tre sconfitte, l'Irlanda ottenne a fatica un onesto pareggio contro l'Unione Sovietica, prima di fallire per un soffio il passaggio in semifinale sconfitta dall'Olanda. Lasciò così il torneo a testa alta dopo una vittoria memorabile.

La genialità di Brolin manda a casa l'Inghilterra



Quattro anni dopo, a Euro 1992, l'Inghilterra incappò nuovamente in una deludente sconfitta nella fase a gironi, questa volta per mano della Svezia, nazione ospitante. Dopo lo 0-0 contro Danimarca e Francia, la squadra di Graham Taylor doveva battere la Svezia nell'ultima partita per piazzarsi in testa al Girone 1 e qualificarsi per le semifinali e molti pensavano che sarebbe riuscita nell'impresa.

All'inizio, la partita andò come da copione: l'Inghilterra concluse il primo tempo 1-0, grazie al goal iniziale di David Platt. Tuttavia, Jan Eriksson pareggiò per la Svezia al 52' e Tomas Brolin segnò poi un goal davvero fantastico che annichilì gli avversari.

Dopo una serie di rapidi passaggi a centrocampo, Brolin corse al limite dell'area davanti a tre difensori inglesi e insaccò abilmente il pallone nell'angolo in alto a destra della porta. Quel tiro straordinario fece entrare immediatamente Brolin nella leggenda del calcio svedese, come lui stesso dichiarò: "In Svezia fanno sempre vedere quel goal e ovunque vada la gente mi chiede di quell'episodio".

La Danimarca vince Euro 1992 da ripescata



Ma a Euro 1992 vi fu un altro risultato persino più sorprendente: la Danimarca vinse il torneo trionfalmente, nonostante non si fosse inizialmente qualificata e fosse stata ripescata per sostituire la Jugoslavia, che era stata squalificata.

La squadra di Richard Moller Nielsen arrivò seconda nel Girone 1 per poi battere l'Olanda ai rigori in semifinale. L'avversaria successiva era la Germania, squadra che per la Danimarca sembrava impossibile da battere solo un mese prima. Tuttavia, l'approccio offensivo dei danesi fece sì che vincessero la finale per 2-0: si trattò di una delle più grandi sorprese nella storia del calcio.

L'Italia messa KO dalla Repubblica Ceca



Anfield fu lo scenario di uno dei risultati più imprevedibili di tutti i tempi, quando la Repubblica Ceca sconfisse l'Italia a Euro 1996. Pavel Nedved, che per ironia della sorte diventerà una stella del calcio in Italia dopo le sue esperienze alla Lazio e alla Juventus, segnò il primo goal dopo cinque minuti. In seguito Enrico Chiesa pareggiò per gli azzurri.

Tuttavia, 10 minuti prima dell'intervallo, Radek Bejbl riportò i cechi in vantaggio per 2-1. Nonostante potesse contare su una panchina con giocatori come Pierluigi Casiraghi e Gianfranco Zola, l'Italia non riuscì ad acciuffare il pareggio e non si qualificò per i quarti di finale.

La Grecia nega il trofeo al Portogallo in casa



Dopo l'improbabile vittoria della Danimarca 12 anni prima, a Euro 2004, la Grecia scrisse un capitolo indimenticabile della sua storia di sfavorita. Ignorati all'inizio del torneo, i greci riuscirono a superare brillantemente un gruppo ostico, che comprendeva i padroni di casa del Portogallo, la Spagna e la Russia, prima di superare i campioni in carica della Francia nei quarti di finale e assicurarsi un posto in finale grazie a un silver goal contro la Repubblica Ceca.

In finale affrontarono nuovamente il Portogallo, schierato con il minaccioso quartetto offensivo composto da Cristiano Ronaldo, Deco, Luis Figo e Pauleta. Tuttavia, fu la Grecia a segnare l'unico goal, quando la loro comprovata abilità nei calci piazzati culminò nel potente colpo di testa di Angelos Charisteas al 57° minuto, il goal decisivo per la vittoria.

L'Islanda artefice della sua più bella vittoria in assoluto



Quando l'Inghilterra si piazzò seconda in modo poco convincente nel Girone B a Euro 2016, pensò di aver ricevuto un regalo dalla sorte, visto che il tabellone le aveva riservato i novellini dell'Islanda negli ottavi. Invece, una formazione con giocatori del calibro di Wayne Rooney, Harry Kane e Raheem Sterling fu sconfitta dallo spirito di squadra in quella che da allora è da molti considerata una delle più grandi umiliazioni della sua storia.

Quando Rooney segnò un rigore al quarto minuto, tutto sembrava andare secondo i piani: peccato che la difesa inconsistente dell'Inghilterra consentì a Ragnar Sigurdsson di pareggiare meno di due minuti dopo. La sorpresa divenne poi realtà quando Joe Hart non riuscì a intercettare il tiro di Kolbeinn Sigthorsson e l'Islanda si ritrovò sul 2-1 dopo 18 minuti.

Jamie Vardy e Marcus Rashford, inseriti in attacco dall'Inghilterra, si trovarono di fronte una tignosa difesa islandese, che contrastò ripetutamente e pacatamente i loro tentativi di arrivare al pareggio. Alla fine, risuonò il fischio finale e l'Islanda festeggiò in piena euforia e meritatamente il miglior risultato della sua storia calcistica.

Aspetti con ansia Euro 2020? Vinci a modo tuo dando un'occhiata alle ultime quote su Euro 2020 su tutte le partite e tutti i gironi, sui mercati sul vincitore e molto altro ancora con Pinnacle.

Risorse per le scommesse - Migliora le tue scommesse

La sezione Risorse per le scommesse di Pinnacle è una delle raccolte disponibili online più complete di consigli di esperti sulle scommesse. Organizzata per tutti i livelli di esperienza, il nostro obiettivo è semplicemente quello di permettere agli scommettitori di diventare più esperti.