close
giu 30, 2017
giu 30, 2017

Lezioni da uno dei più grandi truffatori del gioco d'azzardo

Lezioni da uno dei più grandi truffatori del gioco d'azzardo

Titanic Thompson è considerato uno dei più grandi giocatori d'azzardo con scommesse speciali in un periodo in cui il gioco era sinonimo di truffa. Vale la pena leggere le sue furbate anche solo per la genialità e l'estro, ma forniscono anche delle lezioni durature per aspiranti scommettitori nell'era digitale. Continua a leggere per saperne di più su uno dei più grandi truffatori del gioco d'azzardo.

Nato alla fine del XIX secolo in un luogo isolato e tranquillo del Missouri, Alvin "Titanic" Thompson divenne uno dei più grandi truffatori di tutti i tempi nel settore del gioco d'azzardo partendo dal lancio di qualche monetina sul porticato di casa sua.

Thompson era un provetto golfista ambidestro, giocare nel circuito PGA avrebbe portato a una riduzione dei suoi guadagni, un giocatore di poker di talento e un maestro nei dadi e nelle carte. Viaggiò in lungo e in largo negli Stati Uniti con una sacca con le mazze da golf, per giocatori destri e mancini, nel bagagliaio della sua Piece Arrow, oltre a una palla da bowling, alcuni ferri di cavallo, una pistola e un mucchio di contanti alla ricerca di obiettivi da imbrogliare.

I suoi obiettivi erano persone ricche e famose o chiunque fosse così folle da sfidarlo a una partita a dadi, a biliardo, a golf, a poker, al lancio della moneta o da accettare una delle sue bizzarre e stravaganti scommesse speciali.

Diverso periodo, stesso gioco

Sebbene Titanic Thompson sia più di una semplice leggenda, molte delle storie delle sue truffe si sono ingigantite con il passare del tempo fino a diventare delle storie mitiche dei giorni d'oggi, questo vale anche per le false origini del suo soprannome. Si diceva che il nome Titanic nascesse dal fatto che fosse riuscito a salvarsi da quella famosa nave che stava affondando vestendosi da donna.

La matematica, il significato delle sue scommesse, l'attenzione al dettaglio, il tempismo, la comprensione del linguaggio del corpo sono tutti fattori che lo resero un precursore dei suoi tempi nel valutare le debolezze comportamentali.

La verità è che Titanic guadagnò il suo soprannome grazie a una delle sue scommesse speciali per cui divenne così famoso. Grazie alla loro arguzia e genialità, le sue truffe offrono spunti che vanno ben oltre il semplice divertimento, sono una rappresentazione rilevante di quello che significa scommettere mantenendo un vantaggio, un messaggio che è il mantra della nostra sezione Risorse per le scommesse.

In questo senso Titanic si può considerare un vero precursore dei suoi tempi. Non aveva un'istruzione convenzionale, in realtà era analfabeta, ma aveva una comprensione intrinseca di come funziona l'offerta del gioco d'azzardo e comprese che oltre alla pratica e alla ricerca, la comprensione di quando le quote erano in suo favore avrebbe avuto un ruolo cruciale nel guadagnare e mantenere un vantaggio.

Quando le sue ambizioni iniziarono a crescere, assunse un ex professore di matematica della Columbia University, Patrick McAlley, per un corso intensivo sulle dinamiche delle quote per le scommesse. Era particolarmente interessato alle probabilità di scommesse contrarie al senso comune nel gioco dei dadi, nel poker e nel lancio di una moneta che considerava come delle opzioni ricche di possibilità, specialmente quando si trattava di giocate non convenzionali.

Senza saperlo Alvin stava iniziando a studiare il campo della psicologia comportamentale grazie alla quale gente come Kahneman e Tversky avrebbero vinto il premio Nobel più di 50 anni dopo.

Titanic - l'uomo che ha mandato tutti a picco

Dopo un periodo in cui fece l'assistente in uno spettacolo itinerante di lanci di coltelli, Thompson si trovò a Joplin, nel Missouri nel 1912, esattamente nel periodo in cui il Titanic stava per affondare, dove trovò il modo di raggirare una sala biliardo, chiamata Snow Clarks, per una cifra uguale al salario medio annuo del tempo. Secondo l'eccellente biografia di Kevin Cook, Titanic stava uscendo dalla sala quando notò un cartello sul quale c'era scritto: "$200 a chiunque riesca a saltare oltre il mio nuovo biliardo".

Titanic Thompson comprese che sapere quando le quote sono in proprio favore sarebbe stato un elemento importante nel guadagnare e mantenere un vantaggio.

Qualsiasi persona che frequentava quel posto considerava quel cartello in maniera retorica, ma Titanic la prese come una sfida per la sua arguzia e per le sue capacità fisiche, in entrambi i casi caratteristiche eccezionali. La sua bravura fu quella di comprendere immediatamente che una scommessa, come quella di saltare un tavolo da biliardo, in apparenza poteva sembrare impossibile, ma guardandola da una prospettiva diversa si poteva rivelare a suo favore.

Facendosi prendere in giro da tutte le persone del posto si vantò dicendo: "Sono in grado di farlo". Anche se in qualche modo Titanic fosse riuscito nell'impresa erculea di saltare il tavolo, Snow Clark e i suoi clienti pensavano che la sfida fosse così pericolosa che gli infortuni che avrebbe subito non giustificassero la ricompensa, semplicemente non pensava di dover pagare. 

Thompson uscì, lasciando che i dubbiosi pensassero che fosse stato umiliato, ma tornò dopo soli 10 minuti... tirandosi dietro un materasso che aveva comprato in un motel nelle vicinanze.

Saltò il tavolo utilizzando il materasso per attutire la caduta, guadagnò $200 e un nome che si portò dietro per tutta la vita. Titanic, perché secondo Snow Clark: “Ha mandato tutti a picco".

Una delle truffe preferite e più bizzarre di Titanic era il lancio di una nocciolina, di una noce o di un pezzo di frutta oltre un edificio.

Thompson non fumava e non beveva, semplicemente viveva per giocare d'azzardo e nonostante il brivido, per lui, fosse più importante dell'accumulare ricchezze, morì con niente eccetto che per una calza imbottita con $400, fu uno studente dedito a tutti gli aspetti del mondo del gioco d'azzardo. Per gli aspiranti giocatori la lezione è divertirsi con questi aneddoti, apprezzare le sue capacità uniche, senza ignorare i suoi difetti.

La matematica, il significato delle sue scommesse, l'attenzione al dettaglio, il tempismo, la comprensione del linguaggio del corpo sono tutti fattori che lo resero un precursore dei suoi tempi nel valutare le debolezze comportamentali.

20 miglia a Joplin

Alvin passava quasi tutto il suo tempo con altri giocatori d'azzardo. Era bravissimo a trovare una scommessa particolare in qualsiasi cosa offrisse la quotidianità o l'ordinarietà, o quantomeno a farla apparire come tali. Questa arte per l'inganno e la meticolosa preparazione giocò una parte essenziale in una delle sue truffe più famose.

Un pomeriggio, sulla via del ritorno verso Joplin, dopo una gita di pesca con due giocatori di poker, Beanie Benson e Hickory McCullough, i tre passarono davanti ad alcuni operai della manutenzione stradale che stavano piantando un segnale stradale che segnalava una distanza di 20 miglia per arrivare a Joplin.

La volta successiva che il trio andò a pesca, Thompson continuò a offrire da bere agli altri due e sulla via del ritorno disse che il segnale era sbagliato, non mancavano 20 miglia.

Beanie disse: “Certo che è giusto, stanno attenti a queste cose”.

Thompson rispose: "Scommetto $100 che non mancano più di 15 miglia".

Beanie replicò: "Scommetto $500 che hai torto", 500 dollari equivalevano a più di un buon salario mensile.

Hickory si unì: "Ne metto altri 500".

“Ragazzi, puntate accettate", e la scommessa ebbe inizio. 

I tre avevano gli occhi incollati al contachilometri della macchina e facevano silenzio mentre tornavano a Joplin... il risultato fu che il tragitto era inferiore alle 15 miglia. Maledicendo l'ente stradale i due pagarono e giurarono che non avrebbero più scommesso con Titanic.

Ovviamente quello che Benson e McCullough non sapevano era che Titanic aveva visto il segnale quando era stato piantato, aveva pagato qualcuno per riportarlo al luogo in cui era stato messo da Joplin per poterlo rimuovere e spostare cinque miglia più vicino alla città. L'aneddoto cattura perfettamente il talento di Thompson nel creare una scommessa, la sua motivazione era il denaro, il suo ingegno e le risorse finanziarie fornivano i mezzi necessari, quello che doveva fare era aspettare che si presentasse un'opportunità. E nei 50 anni successivi di opportunità ce ne furono molte, eccone una selezione:

L'imbroglio della dama

Quando Titanic seppe che il campione di dama Lock Renfro aveva lanciato una sfida da $10.000 a chiunque avesse avuto il coraggio di sfidarlo, accettò nonostante la sua esperienza del gioco si limitasse a quella appresa ai tempi della scuola. Una volta seduto davanti al campione, Titanic si mostrò nervoso e monotono, ma guadagnò il diritto a muovere per primo giocando come se fosse il suo sport. Renfro non sapeva che attraverso uno spioncino nel soffitto il campione di scacchi statunitense, Harry Lieberman, stava fornendo consigli a Titanic con un martelletto attaccato alla sua gamba.

Il ferro di cavallo fortunato

Il lancio del ferro di cavallo era un importante aspetto nella cultura rurale del XIX e XX secolo. Thompson venne a conoscenza che un lanciatore di nome Frank Jackson aveva organizzato una sfida aperta a tutti per qualsiasi cifra. Thompson non aveva alcuna preparazione specifica in questo sport, anche se il movimento del braccio dall'alto verso il basso era simile a quello del bowling, ma guidò fino a Des Moines in Iowa e preparò il terreno di gioco in un vicolo fuori dal suo hotel per allenarsi. 

Se non si riesce a inserire nel proprio repertorio il concetto matematico semplice, ma piuttosto innaturale, della probabilità elementare, si passerà la vita a cercare di mangiare il brodo con la forchetta. Charlie Munger

Dopo aver, volutamente, lanciato male qualche ferro, Titanic convinse Jackson a giocare per $10.000. Mentre Titanic mise a segno tutti i lanci, al campione mancavano circa trenta centimetri e a malincuore dovette pagare. Quello che non poteva sapere era che il paletto nel campo di Titanic, dove aveva trascorso ore e ore ad allenarsi, si trovava a una distanza di 41 piedi (12,49 metri), invece che a 40 piedi (12,19 metri).

Il lancio di una nocciolina oltre un edificio

Una delle truffe preferite e più bizzarre di Titanic era il lancio di una nocciolina, di una noce o di un pezzo di frutta oltre un edificio. Le sue vittime erano, comprensibilmente scettiche e accettavano la sua sfida, incluso Al Capone. La maggior parte delle volte Thompson pagava un fruttivendolo per consegnargli un prodotto appesantito, con del piombo, in modo che avesse un peso sufficiente per vincere la sfida. Capone era sospettoso e insistette per schiacciare il limone, la variante utilizzata in questa versione, ma con un gioco di prestigio Titanic tirò fuori un limone di sostituzione e riuscì a vincere.

A volte queste scommesse si basavano solo sulle parole. Una sfida come "Scommetto di riuscire a mandare un'anguria in cima a quel palazzo" poteva essere vinta prendendo un'ascensore e l'uscita di sicurezza con un frutto sotto braccio.

Faccia a faccia con un peso massimo

Durante un soggiorno in un hotel di una città con lo strano nome di French Lick in una pausa di una partita di poker incontrò un pugile professionista presuntuoso, il suo ego lo rendeva un obiettivo perfetto. Scommise con il pugile $1.000 che lui non sarebbe riuscito a metterlo a tappeto mentre i due si trovavano in piedi sullo stesso foglio di giornale. Sembravano soldi facili, come sempre, fino a quando Thompson non stese lo Spring Valley Herald lungo l'uscio di una porta in modo che potesse stare faccia a faccia con il pugile, successivamente allontanò il foglio per chiudere la porta e riprese la sua posizione. Soldi davvero facili.

La ricerca di un vantaggio rimane la stessa

Quando nacque Titanic c'erano solamente 10 miglia di strade asfaltate in tutti gli Stati Uniti. Quando iniziò il declino della sua carriera negli anni '70 a Las Vegas lo riconoscevano tutti e questo ridusse in maniera determinante gran parte del suo vantaggio. Il gioco d'azzardo si è evoluto in un'attività di svago comune e i giocatori sono diventati più attenti. Ma la ricerca di un vantaggio rimane sempre la stessa, quello che è cambiato è semplicemente il metodo.

Titanic Thompson probabilmente avrebbe dedicato molto tempo per il matematico romeno Stefan Mandrel che negli anni '70 giocò ogni possibile combinazione di una lotteria rollover in cui il jackpot presentava la situazione unica di un valore previsto positivo rispetto alla sua spesa. Divenne milionario e si trasferì su un isola del Pacifico.

La motivazione di Titanic era il denaro, il suo ingegno e le risorse finanziarie fornivano i mezzi, quello che doveva fare era aspettare che l'opportunità si presentasse.

Fare buca con un solo tiro nel golf offre un altro esempio curioso di come si può trovare un vantaggio, in questo caso negli anni '90 nel Regno Unito. Leggi questo articolo sull'intuizione per saperne di più. Un gruppo di scommettitori capaci sfruttò la scarsa conoscenza dei bookmaker indipendenti riguardo alle possibilità implicite di fare buca in un solo colpo negli eventi di golf trasmessi alla televisione. Offrirono delle quote ridicole molto superiori rispetto alle probabilità implicite reali e furono puntualmente puniti.

La nostra intervista con uno scommettitore famoso, Lewis Deyong, mette bene in risalto quella che fu un'era meravigliosa per trovare valore, se sapevi dove cercare, ma questa termina con l'accettazione che i tempi e i metodi sono cambiati. Tuttavia, ci sono ancora opportunità per gli scommettitori per fare profitto, se questo è il proprio obiettivo, per le quali non è necessario spostare la segnaletica stradale, ma che richiedono convinzione, dedizione e soprattutto una comprensione di quando le quote sono a proprio favore. Il modo migliore per comunicare quale sia la mentalità necessaria potrebbe essere una citazione di un famoso investitore, Charlie Munger, braccio destro di Warren Buffet.

"Se non si riesce a inserire nel proprio repertorio il concetto matematico semplice, ma piuttosto innaturale, della probabilità elementare, si passerà la vita a cercare di mangiare il brodo con la forchetta.

Titanic lo sapeva ed era sempre alla ricerca di persone che non l'avevano capito. Tieni i piedi a terra per comprendere come funzionano le scommesse o semplicemente so lo vedi come un divertimento.

Risorse per le scommesse - Migliora le tue scommesse

La sezione Risorse per le scommesse di Pinnacle è una delle raccolte disponibili online più complete di consigli di esperti sulle scommesse. Organizzata per tutti i livelli di esperienza, il nostro obiettivo è semplicemente quello di permettere agli scommettitori di diventare più esperti.