lug 3, 2018
lug 3, 2018

I 10 migliori momenti nel mondo del tennis degli ultimi 20 anni

I 10 migliori momenti nel mondo del tennis degli ultimi 20 anni scelti da Pinnacle

Il tuo momento preferito è presente nella lista?

I 10 migliori momenti nel mondo del tennis degli ultimi 20 anni

Per festeggiare il ventesimo anniversario di Pinnacle, questa serie ripercorrerà i momenti salienti dei nostri sport più popolari. Ecco i 10 migliori momenti nel mondo del tennis degli ultimi 20 anni.

Federer contro Nadal - Wimbledon 2008

La maggior parte delle persone sarà d'accordo nel dire che Roger Federer e Rafael Nadal hanno messo in scena la rivalità più accesa nel tennis degli ultimi due decenni. Entrambi sono tennisti incredibilmente talentuosi, che, ovviamente, hanno le loro preferenze per quanto riguarda le superfici di gioco, ma ogni volta che si affrontano danno il massimo.

Nelle 39 partite che hanno giocato fino ad oggi, Nadal ha avuto la meglio in 23 occasioni. Nei tornei del Grande Slam si sono affrontati 12 volte e anche in questo caso Nadal è in vantaggio con nove vittorie (sei delle quali nelle nove finali dei tornei del Grande Slam in cui si sono affrontati). 

La finale di Wimbledon del 2008 è forse la partita migliore tra Federer e Nadal. In un'entusiasmante partita da cinque set che durò quattro ore e 48 minuti, lo spagnolo sconfisse Federer, detentore del titolo e che aveva vinto cinque volte il torneo, ed entrambi i tennisti giocarono a livelli magnifici.

Il 23esimo Grande Slam di Serena Williams

Sono pochi gli atleti che hanno dominato in uno sport come Serena Williams nel tennis. Tiger Woods, Usain Bolt e Floyd Mayweather hanno tutti ottenuto ottimi risultati nei loro sport e il 28 giugno 2017 Serena Williams scrisse una pagina di storia del tennis.

La Williams sconfisse sua sorella Venus 6-4, 6-4 nella finale degli Australian Open e vinse il suo 23esimo Grande Slam, sorpassando Steffi Graf come giocatrice con il maggior numero di titoli del Grande Slam della storia nell'era Open.

È difficile pensare che qualcuno, tra gli uomini e le donne, sia in grado di battere questo record nel prossimo futuro, gli unici due che hanno una possibilità realistica di farlo sono Roger Federer e Rafael Nadal, con rispettivamente 20 e 17 tornei vinti.

Il ritiro di Andre Agassi

Sono pochi i giocatori che possono essere inclusi in una discussione su chi è il miglior giocatore di tennis di tutti i tempi, ma Andre Agassi è, senza ombra di dubbio, uno di loro. In una carriera durata oltre 20 anni Agassi ha vinto almeno una volta i quattro tornei del Grande Slam con una percentuale di vittoria del 76,05% nelle sue 1.144 partite da professionista.

Oltre al suo successo sul campo da gioco, lo stile di gioco di Agassi e la relazione che aveva con gli appassionati di tennis di tutto il mondo, gli hanno fatto giocare un ruolo importante nella crescita di popolarità dello sport. Non c'è da sorprendersi che la sua ultima partita negli Stati Uniti nel 2006 fu emozionante.

Soderling contro Nadal - Open di Francia 2009

A tutti piace guardare gli eventi sportivi quando i migliori si affrontano per contendersi i premi più importanti, ma c'è qualcosa di speciale anche quando un netto sfavorito riesce a ribaltare il pronostico. Quando Robin Soderling affrontò Rafael Nadal agli Open di Francia del 2009, quasi nessuno pensava che avesse una possibilità (inclusa Pinnacle che lo quotò a 36,00, vale a dire una probabilità reale del 2,75%).

Nadal stava puntando alla quinta vittoria consecutiva agli Open di Francia, non aveva mai perso una partita al Roland Garros ed era dalla finale del 2007 che non perdeva un set quando affrontò Soderling al quarto turno. Contro tutte le previsioni Soderling sconfisse Nadal 6-2, 6-7, 6-4, 7-6.

Isner contro Mahut - Wimbledon 2010

È risaputo che il tennis sia uno sport che richiede molte energie fisiche. Giocando a una velocità intensa e senza avere la possibilità di riposarsi in campo, i giocatori professionisti devono allenare la resistenza tanto quanto la tecnica per competere ai livelli più alti. 

La differenza tra le partite degli uomini e quelle delle donne nei tornei del Grande Slam (cinque set rispetto a tre set) comporta che la durata media di una partita sia leggermente più lunga (2,5-3,5 ore per gli uomini rispetto a 1,5-3 ore per le donne). Tuttavia, la partita tra John Isner e Nicolas Mahut nel 2010 a Wimbledon fu qualcosa completamente al di fuori dall'ordinario.

La partita fu giocata nell'arco di tre giorni e il 24 giugno Isner conquistò il 138esimo game del quinto set, vincendo la partita per 6-4, 3-6, 6-7, 7-6, 70-68. Dopo 183 game totali e 11 ore e cinque minuti di gioco, la partita Isner contro Mahut è di gran lunga la partita più lunga nella storia del tennis (il quinto set da solo avrebbe battuto il record precedente).

Lo scambio Djokovic contro Nadal (Finale degli US Open 2013)

L'alta qualità del circuito professionistico comporta che qualsiasi giocatore è in grado di mettere a segno un colpo di grandissima qualità contro un avversario. Nonostante spesso possa essere un errore naturale a decidere un punto, i giocatori e gli appassionati sono maggiormente soddisfatti quando qualcuno non riesce a rispondere al colpo dell'avversario.

Quando Rafael Nadal incontrò Novak Djokovic alla finale degli US Open 2013 i due giocatori erano a un altro livello, il fatto che i due tennisti avevano più del doppio dei punti nel ranking ATP di qualsiasi altro giocatore mostrava tutta la loro superiorità. Nadal vinse una partita entusiasmante, ma durante la partita ci fu uno scambio che può essere considerato superiore a tutti gli altri.

Justine Henin contro Venus Williams - US Open 2007

In un Grande Slam le partite femminili possono essere più brevi, ma il livello di gioco è simile a quello degli uomini. Quando Justin Henin incontrò Venus Williams nella semifinale dello US Open del 2007, le due tenniste giocarono una delle più belle partite viste al Billy Jean King National Tennis Center. 

Henin riuscì a battere Venus Williams due set a zero e qualche giorno dopo fece lo stesso contro la sorella dell'americana, ma il risultato non la dice tutta su come andò la partita. In quel periodo era impossibile giocare contro la belga e, nonostante la Williams fece di tutto per difendersi, il famoso rovescio a una mano della Henin si dimostrò essere troppo forte colpo dopo colpo.

Il fenomenale colpo di Dustin Brown (Bergamo Challenger 2016)

Nonostante Dustin Brown non passerà alla storia come uno dei migliori tennis ad aver calcato i campi, sicuramente sarà ricordato come uno di quelli che dà spettacolo. 

I lunghi dreadlock del giamaicano-tedesco lo caratterizzano quanto la sua capacità di dare spettacolo in campo e, pur essendo difficile scegliere un colpo dal suo ampio repertorio di colpi spettacolari, il suo punto vincente con la racchetta dietro la schiena, al Bergamo Challenger nel 2016, deve essere considerato come uno dei migliori.

Andy Murray vince Wimbledon nel 2013

Il primo titolo del Grande Slam di un tennista gli rimane impresso nella memoria per lungo tempo, ma per Andy Murray il più memorabile potrebbe essere stato il secondo torneo. Dopo la vittoria agli US Open nel 2012 Murray ha affrontato la stagione 2013 con la fiducia di poter riuscire a soddisfare l'attesa della Gran Bretagna di avere un nuovo campione nel torneo maschile sull'erba di Wimbledon.

Murray, 26enne all'epoca, impressionò durante tutto il torneo e nonostante un quarto di finale molto combattuto contro Fernando Verdasco, il suo trionfo non è mai sembrato in dubbio; in finale sconfisse Novak Djokovic in tre set (6-4, 7-5, 6-4) e sollevò il trofeo un anno dopo l'emozionante discorso che tenne a seguito della sconfitta dell'anno precedente.

Schiavone contro Kuznetsova - Australian Open 2011

Il tennis è uno sport in cui è importante l'equilibrio perfetto tra grazia, potenza, agilità e velocità, ma a volte non si tiene in considerazione la tenuta mentale e fisica necessarie. Una partita che riassume quanta fatica si possa provare durante una partita di tennis è l'incontro del quarto turno degli Australian Open del 2011 tra Francesca Schiavone e Svetlana Kuznetsova.

Con le sue quattro ore e 44 minuti, la partita Schiavone contro Kuznetsova è la seconda partita più lunga nella storia del tennis femminile (e la più lunga per quanto riguarda i tornei del Grande Slam). Si potrebbe affermare che è ben distante dalla partita Isner contro Mahut, ma quella tra Schiavone e Kuznetsova è a tutti gli effetti da considerarsi un classico e non solo perché l'italiana annullò sei match point dell'avversaria prima di riuscire a vincere per 6-4, 1-6, 16-14.

Il tuo momento preferito è entrato a far parte di questa classifica? Invia un tweet a @PinnacleSports per farci sapere qual è, secondo te, il miglior momento nel mondo del tennis degli ultimi 20 anni.

Risorse per le scommesse - Migliora le tue scommesse

La sezione Risorse per le scommesse di Pinnacle è una delle raccolte disponibili online più complete di consigli di esperti sulle scommesse. Organizzata per tutti i livelli di esperienza, il nostro obiettivo è semplicemente quello di permettere agli scommettitori di diventare più esperti.