close
feb 28, 2019
feb 28, 2019

Le prestazioni dei top player negli scontri diretti

Come si comportano i top player negli scontri diretti?

Analisi dei dati per Djokovic e Nadal

Nadal è forte solo con i più deboli?

Quali giocatori non riescono a battere i Top 20 ATP?

Le prestazioni dei top player negli scontri diretti

Credit: Getty Images

Le prestazioni contro giocatori di alto livello sono un chiaro indice di successo nei tornei maggiori. Questo articolo esamina i risultati degli attuali Top 20 ATP contro avversari Top 20, con l'obiettivo di profilare i giocatori e acquisire un vantaggio nei mercati delle scommesse.

I Top 20 ATP nei tornei maggiori

Nell'ATP Tour esistono quattro livelli di tornei maggiori  In ordine di importanza sono i tornei del Grande Slam, gli ATP Masters 1000, i 500 e infine i 250. In un 250, può capitare che non sia presente in tabellone nemmeno un giocatore Top 20 e che un giocatore conquisti il trofeo senza dover battere un avversario compreso tra i Top 20.

Nel caso dei tornei del Grande Slam e dei Masters, la situazione è completamente diversa. Nei cinque tornei del Grande Slam e nei nove Masters 1000 giocati dall'inizio del 2018, solo in tre dei 14 tornei il vincitore ha dovuto battere un unico avversario Top 20.  

Complessivamente, prendendo in considerazione i cinque Grand Slam giocati dall'inizio del 2018, un giocatore ATP doveva battere una media di 2,40 giocatori Top 20 per vincere il titolo.

In sette dei 14 tornei (il 50%) il vincitore ha dovuto battere tre avversari Top 20, mentre a Parigi, al termine della scorsa stagione, il giovane russo Karen Khachanov ha avuto il cammino più difficile verso il titolo dell'intero anno, poiché ha dovuto battere quattro Top 20 prima di conquistare il primo Masters in carriera.

Nel complesso, considerando i cinque Grand Slam dall'inizio del 2018, un giocatore ATP doveva battere una media di 2,40 Top 20 per vincere il titolo, mentre nei tornei Masters nello stesso periodo, il valore era quasi identico, 2,44. Poiché è improbabile che un giocatore debba battere un solo Top 20 per conquistare un titolo importante e due vittorie sono ancora al di sotto della media, è evidente che il vincitore del torneo dovrà in genere superare diversi giocatori Top 20.

Questo punto di partenza è molto utile, perché ci consente di effettuare la profilazione dei principali giocatori del tour per capire quali sono in grado di raggiungere tale risultato. 

Un'analisi dettagliata dei risultati di Novak Djokovic e Rafa Nadal

Innanzitutto, vale la pena esaminare i risultati di due dei migliori giocatori del tour maschile attualmente, Novak Djokovic e Rafa Nadal. Come è evidente dalla tabella riportata più avanti nell'articolo, entrambi i giocatori sono casi particolari se si considerano le percentuali di conquista di giochi al servizio/break combinate contro tutti gli avversari del tour, una metrica affidabile per valutare la qualità di un giocatore. 

In effetti, grazie alle numerose e clamorose vittorie sulla sua superficie preferita, la terra battuta, i dati combinati di Nadal sono complessivamente migliori di quelli di Djokovic, con il 123,6% combinato negli ultimi 12 mesi, mentre il dato di Djokovic è inferiore, 119,0%. Entrambi sono dati di livello mondiale.

Tuttavia, se si valutano le prestazioni contro i Top 20, è Djokovic in realtà a essere in vantaggio. La sua percentuale combinata di giochi conquistati al servizio rispetto ai break è inferiore, 113,2%, ma il serbo è più solido rispetto al suo rivale spagnolo, che registra una percentuale del 112,6% negli ultimi 12 mesi contro i Top 20. Di fatto, la percentuale combinata di Djokovic è inferiore del 5,8% (119,0% - 113,2%) contro i Top 20, mentre quella di Nadal dell'11,0% (123,6% - 112,6%).

Nadal è forte solo con i più deboli? Ipotizzarlo sarebbe un po' irrispettoso, poiché i suoi dati contro i Top 20 sono comunque eccellenti. Ma, come accennato in precedenza, i dati del re della terra battuta sembrano lievemente gonfiati a causa del fatto che riesce a battere nettamente e con facilità giocatori di livello inferiore.

Statistiche Top 20 ATP 

Giocatore

% di giochi tenuti al servizio in 12 mesi (contro tutti gli avversari)

% di break in 12 mesi (contro tutti gli avversari)

% di giochi combinata in 12 mesi (contro tutti gli avversari)

% di giochi tenuti al servizio in 12 mesi (contro avversari Top 20)

% di break in 12 mesi (contro avversari Top 20)

% di giochi combinata in 12 mesi (contro avversari Top 20)

% differenza combinata

 

 

 

 

 

 

 

 

Djokovic

87,9

31,1

119,0

88,2

25,1

113,2

5,8

Nadal

87,4

36,2

123,6

82,5

30,1

112,6

11,0

Zverev A

82,4

28,2

110,6

80,3

18,0

98,2

12,4

Del Potro

87,9

25,9

113,8

86,4

16,0

102,5

11,3

Anderson

89,4

16,0

105,4

84,4

12,7

97,1

8,3

Nishikori

82,1

25,0

107,1

74,8

21,1

95,9

11,2

Federer

91,2

22,4

113,6

89,4

13,0

102,4

11,2

Thiem

83,9

24,5

108,4

77,1

22,6

99,7

8,7

Isner

94,5

9,7

104,2

89,1

4,3

93,4

10,8

Cilic

86,8

21,9

108,7

84,4

20,7

105,0

3,7

Khachanov

86,9

20,0

106,9

81,2

16,9

98,1

8,8

Tsitsipas

85,5

16,0

101,5

76,8

15,0

91,9

9,6

Coric

85,2

25,7

110,9

81,1

19,4

100,5

10,4

Raonic

91,7

15,6

107,3

88,0

11,4

99,4

7,9

Medvedev

81,8

25,2

107,0

78,3

15,5

93,8

13,2

Fognini

75,6

28,8

104,4

70,6

18,3

89,0

15,4

Cecchinato

79,0

19,9

98,9

75,3

27,4

102,6

-3,7

Bautista-Agut

82,8

25,2

108,0

76,0

19,2

95,2

12,8

Schwartzman

73,8

30,7

104,5

60,4

24,3

84,7

19,8

Basilashvili

75,9

20,8

96,7

81,6

14,9

96,5

0,2

La tabella qui sopra illustra i dati sui giochi tenuti al servizio/break di giocatori ATP contro tutti gli avversari negli ultimi 12 mesi (dati corretti il 21 febbraio 2019), rispetto ai dati sui giochi tenuti al servizio/break contro avversari Top 20, nello stesso periodo di tempo.

Appare subito chiaro che solo un giocatore ha registrato risultati migliori contro avversari Top 20 rispetto ai propri dati contro tutti i giocatori, ovvero Marco Cecchinato.

Il giocatore di terra battuta italiano è in certo qual modo un enigma ed è difficile capire il motivo per cui è riuscito a ottenere un rendimento nettamente migliore (con una percentuale di successo del 27,4% contro avversari Top 20 rispetto al 19,9% complessivo) quando ha affrontato giocatori di livello più alto. Poiché la dimensione del campione dei suoi dati contro avversari Top 20 era lievemente inferiore rispetto a quella della maggior parte degli altri giocatori considerati, questo si può spiegare con la varianza, anche se un'ipotesi plausibile è che si tratti di un giocatore che si esalta sui grandi palcoscenici.

Nikoloz Basilashvili è un altro giocatore che ha registrato buoni risultati contro i Top 20. I suoi dati combinati contro avversari Top 20 sono quasi identici a quelli registrati contro tutti gli avversari, anche se la sua dinamica di gioco contro avversari Top 20 è diversa, dato che il giocatore ha adottato uno stile di gioco molto più orientato al servizio.

Questa dinamica di gioco orientata al servizio è risultata evidente osservando i dati di molti degli attuali Top 20 ATP alle prese con avversari Top 20. 12 degli attuali Top 20 sono riusciti a tenere il servizio oltre l'80% delle volte contro avversari Top 20 (tutti, tranne quattro, complessivamente), ma solo sette sono riusciti a strappare il servizio ad avversari Top 20 più del 20% delle volte (rispetto ai 15 totali). Solo tre, Cecchinato, Djokovic e Nadal sono riusciti a farlo in più di un quarto dei giochi alla risposta.

Solo sette giocatori in totale sono riusciti a battere il valore del 100% di giochi tenuti al servizio/break nelle loro partite contro avversari Top 20, oltre ai già citati Djokovic, Nadal e Cecchinato, il quartetto composto da Juan Martin Del Potro, Roger Federer, Marin Cilic e Borna Coric. Tuttavia, i loro dati non sono nemmeno lontanamente paragonabili a quelli di Djokovic e Nadal e spiegano in qualche modo il motivo per cui spesso le loro prestazioni non sono all'altezza quando arrivano alle ultime battute degli eventi importanti.

Giocatori che non ottengono buoni risultati contro i Top 20 ATP

Detto questo, le loro difficoltà impallidiscono quando si analizzano le prestazioni di Kei Nishikori, John Isner, Stefanos Tsitsipas, Fabio Fognini e Diego Schwartzman. Il servizio di Nishikori trema contro i migliori, mentre quello di Schwartzman è debolissimo. Isner è riuscito a strappare il servizio ad avversari Top 20 soltanto il 4,3% delle volte negli ultimi 12 mesi e Tsitsipas e Fognini hanno anche dati mediocri al servizio. 

Capire se un giocatore è in grado di alzare il livello di gioco nelle ultime fasi di grandi tornei è fondamentale: questi dati spiegano in qualche modo perché giocatori come Nishikori, Isner, Raonic e Bautista-Agut hanno registrato prestazioni deludenti negli Slam, ad esempio, nonostante il loro solidi dati complessivi e una classifica che li vede quasi sempre nei Top 10 o intorno a quella classifica. 

Quando vuoi effettuare scommesse a lungo termine per i grandi tornei, vale la pena tener presente se un giocatore ha un potenziale vantaggio rispetto ai migliori giocatori del tour: se non è così, sarà difficile ottenere buoni risultati.

Risorse per le scommesse - Migliora le tue scommesse

La sezione Risorse per le scommesse di Pinnacle è una delle raccolte disponibili online più complete di consigli di esperti sulle scommesse. Organizzata per tutti i livelli di esperienza, il nostro obiettivo è semplicemente quello di permettere agli scommettitori di diventare più esperti.