giu 16, 2016
giu 16, 2016

2016 WTA Wimbledon - Le stelle del futuro

2016 WTA Wimbledon - Le stelle del futuro
La vittoria di Gabrine Muguruza, 22 anni, che ha sconfitto Serena Williams in finale aggiudicandosi il suo primo Slam agli Open di Francia, ha evidenziato la nascita di nuovi talenti nel tennis femminile che conta. Con Wimbledon 2016 alle porte, l'esperto di tennis, Dan Weston, valuta le giovani promesse del circuito WTA per capire quali sono le giocatrici che hanno maggiori possibilità di sorprendere sui campi in erba di Londra.

Nonostante Serena Williams sia la favorita, secondo le quote, per la vittoria di Wimbledon, le sue due sconfitte in tornei del Grande Slam a Melbourne e a Parigi hanno contribuito a creare una situazione che si verifica raramente: quote particolarmente incerte per la vincitrice WTA di Wimbledon (tre rivali hanno quote sotto il 10,00 e altre otto sotto 50,00) consentendo alle giovani promesse di avere spazio per sorprendere.

Lezioni apprese durante la finale WTA degli Open di Francia

La quota d'apertura di Pinnacle per la vittoria della giovane spagnola contro la numero uno Serena Williams nella finale degli Open di Francia il 4 giugno era di 2,42. Se osserviamo le quote, la vittoria della Muguruza agli Open di Francia non si può considerare completamente inaspettata, ma per i tifosi di tennis che non hanno una conoscenza approfondita del mondo delle scommesse, il risultato è stato sorprendente consentendo a una tennista WTA di una nuova generazione piena di talento di aggiudicarsi un titolo del Grande Slam.

Delle attuali migliori 15 tenniste del ranking WTA solamente la Muguruza e Belinda Belic hanno meno di 24 anni.

Con una quota di apertura di 2,42 salita a 2,68 prima di scendere a 2,18 e assestarsi poi sulla quota di apertura prima dell'inizio dell'incontro, è stato difficile per gli scommettitori capire se potesse valere la pena scommettere sulla sfavorita.

Delle attuali migliori 15 tenniste del ranking WTA solamente la Muguruza e Belinda Belic hanno meno di 24 anni e anche se la presenza di giovani tenniste di talento, capaci di entrare nelle top 10 e di vincere titoli del Grande Slam, è stata frequente, questo non succedeva da diversi anni.

Nella tabella sottostante è indicato l'andamento degli ultimi dodici mesi (aggiornato al 13 giugno 2016) delle tenniste WTA di età uguale o inferiore a 22 anni posizionate tra le prime 100 nel ranking. La tabella è ordinata in base alla percentuale combinata di game vinti al servizio/break

WTA Top 100 - Andamento 12 mesi (età uguale o inferiore a 22 anni)

Giocatrice

Posizione

Età

Andamento 12 mesi

Game vinti al servizio 12 mesi %

Break vinti 12 mesi %

Combinata 12 mesi %

Muguruza

2

22

40-18

73,7

39,8

113,5

Bencic

8

19

46-18

73,0

36,4

109,4

Keys

16

21

30-17

75,9

32,6

108,5

Kasatkina

31

19

27-13

68,4

39,9

108,3

Svitolina

18

21

32-24

63,9

42,0

105,9

Puig

43

22

27-21

70,9

34,9

105,8

Beck

44

22

28-23

60,7

45,1

105,8

Gasparyan

57

21

21-16

67,6

36,5

104,1

Garcia

39

22

31-24

69,9

33,8

103,7

Ostapenko

38

19

18-16

62,0

41,6

103,6

Putintseva

36

21

23-20

64,0

39,2

103,2

Osaka

93

18

13-10

69,8

33,2

103,0

Kontaveit

92

20

12-12

65,1

36,6

101,7

Kozlova

98

22

13-9

63,5

37,0

100,5

Bouchard

47

21

24-20

64,8

35,2

100,0

Friedsam

51

22

26-19

68,3

31,7

100,0

Chirico

74

20

14-10

60,7

38,4

99,1

Gavrilova

50

22

24-21

63,3

35,6

98,9

Kovinic

53

21

22-22

65,8

32,1

97,9

Tig

100

21

9-11

64,4

32,4

96,8

Hibino

70

21

21-16

62,1

32,9

95,0

Zheng S

78%

22

19-25

57,2

37,8

95,0

Schmiedlova

40

21

23-24

59,9

34,6

94,5

Diyas

95

22

15-24

60,3

33,7

94,0

Sasnovich

99

22

9-12

53,9

35,5

89,4

Guida giocatrice per giocatrice

Vale la pena dedicare qualche minuto all'analisi di alcune giocatrici che hanno il potenziale per migliorare la propria posizione nel ranking e capire quali sono le tenniste che possono unirsi alla Muguruza e alla Bencic nella top ten e competere fino alla fine per la vittoria di uno Slam.

Madison Keys - 21 anni, Stati Uniti

L'americana con un servizio forte sembra avere tutte le carte in regola per raggiungere il successo fatta eccezione per la sua risposta. La Keys può vantare un servizio molto potente che le ha consentito di essere inserita nel secondo gruppo di favorite per la prossima edizione di Wimbledon che si terrà fra qualche settimana.  

La Keys ha già vinto due titoli Premier a 19 anni, a Eastbourne sull'erba e le due finali Premier sulla terra rossa mostrano la sua capacità di poter giocare senza problemi su diverse superfici.  Sembra che sia solamente questione di tempo prima di vedere la Keys tra le prime dieci al mondo. 

La quota della Keys vincitrice a Wimbledon: 22,94*

Daria Kasatkina - 19 anni, Russia

Una giocatrice dal potenziale immenso, la Kasatkina ha vinto gli Open di Francia Junior nel 2014 e vanta già delle ottime statistiche nel circuito WTA, in particolare, sulla terra rossa.

Il fatto che, a soli 19 anni, abbia un rapporto game vinti al servizio/break migliore di quello della 21enne Elina Svitolina e della 22enne Monica Puig è un indicatore molto importante di quello che potrà fare in futuro. Non sarebbe una sorpresa se nei prossimi anni vedessimo la Kasatkina nella top ten e a competere per aggiudicarsi titoli del Grande Slam.

Elina Svitolina - 21 anni, Ucraina

La Svitolina è tra le prime 50 tenniste al mondo da diversi anni, pur non riuscendo ad entrare in maniera decisa nella top 20 nonostante la vittoria in tutte e quattro le finali che ha giocato nel circuito WTA (di tornei internazionali minori) 

Le statistiche indicano che la Svitolina delude per quanto riguarda i break point (particolarmente sulla risposta al servizio) e nel caso riuscisse a migliorare questo aspetto potrebbe entrare nella top 10 del ranking.  

La quota della Svitolina vincitrice a Wimbledon: 114,40*

Margarita Gasparyan - 21 anni, Russia

Gasparyan viene citata dall'autore come una giocatrice dall'enorme potenziale da 18 mesi nonostante gli esordi nel WTA Tour siano stati deludenti. 

A 21 anni la Gasparyan non è ancora tra le prime cinquanta al mondo, ma può vantare la vittoria in un torneo principale (Baku Internatonal 2015). Con statistiche negative sulla terra rossa, rispetto ad altre superfici, la giovane russa sarà felice che i maggiori tornei sulla terra rossa del circuito siano terminati per quest'anno e i prossimi mesi di tornei su cemento e sintetico saranno fondamentali per i suoi progressi.

Jelena Ostapenko - 19 anni, Lettonia

La Ostapenko ha compiuto 19 anni la settimana scorsa ed è chiaro che la lettone ha un grande futuro nel mondo del tennis.   La Ostapenko è la campionessa juniores di Wimbledon 2014 e si aspetta grandi risultati nel prossimo mese sull'erba che andranno ad aggiungersi ai progressi mostrati sul cemento e sul sintetico. 

Con un rapporto game vinti al servizio/break migliore di quello della 21enne Elina Svitolina e della 22enne Monica Puig, la Ostapenko, a soli 19 anni, ha un enorme potenziale da sviluppare.

La Ostapenko è ancora a caccia del suo primo titolo WTA avendo perso due finali contro avversarie ben più titolate di lei, ma con un rapporto game vinti al servizio/break come il suo, a 19 anni, non tarderà a vincere il suo primo grande torneo.

Yulia Putintseva - 21 anni, Kazakistan

Una giocatrice che ha visto un miglioramento notevole negli ultimi mesi in particolare sulla sua superficie preferita, la terra rossa, dove negli ultimi 12 mesi ha vinto 13 partite perdendone 5 nei tornei principali con una percentuale di game vinti al servizio/break di 112%, distanziata non di molto dalle prime dieci al mondo sulla terra rossa. 

La Putintseva ha mostrato il suo valore agli Open di Francia battendo Carla Suarez Navarro e Andrea Petkovic da sfavorita e vincendo il primo set contro Serena Williams nei quarti di finale.  Tuttavia, i suoi futuri successi dipenderanno dal riuscire a dimostrare le stesse capacità anche su altri superfici, soprattutto il cemento, dove in passato ha fatto fatica.

Naomi Osaka - 18 anni, Giappone

La Osaka si è fatta conoscere nel mondo del tennis femminile lo scorso anno grazie al suo ottimo servizio.  Tuttavia, essendo riuscita a strappare il servizio alle avversarie solo il 33,2% delle volte negli ultimi dodici mesi, è chiaro che il suo punto debole è la risposta al servizio.

Detto ciò, una percentuale di game vinti al servizio/break del 103% a 18 anni la rende una tennista dal potenziale gigantesco e sarà interessante vedere come se la caverà nei prossimi mesi, in particolare quando il circuito si sposterà in Asia.

Anett Kontaveit - 20 anni, Estonia 

La Kontaveit è una giocatrice dalla quale ci si aspettava da tempo grandi cose, ma avendo vinto 12 partite su 24 contro tenniste nella top 20 negli ultimi dodici mesi è chiaro che dovrà lavorare ancora molto.

L'estone deve ancora arrivare a giocare una finale WTA e dovrà stare molto attenta ad agosto a difendere i punti guadagnati negli ottavi di finale degli US Open dell'anno scorso per non perdere posizioni.

Tuttavia, considerando il rapporto game vinti al servizio/break è evidente che abbia un buon potenziale e un'eventuale caduta nel ranking sarebbe solamente temporanea e non permanente.

Eugenie Bouchard - 21 anni, Canada

In molti avrebbero pronosticato che la 21enne canadese sarebbe diventata una delle migliori tenniste al mondo al termine della stagione 2014, quando raggiunse la finale di un Grande Slam (a Wimbledon in cui venne sconfitta dalla Kvitova) oltre ad entrare nella top 10 a 19 anni. 

È passato un anno e mezzo e la Bouchard è entrata e uscita dalla top 50 diverse volte a causa di infortuni e problemi di fiducia in sé stessa oltre al fatto di non riuscire a trovare continuità.   Statisticamente ha difficoltà a recuperare un set o un break di svantaggio e continuano a persistere dubbi sulla sua resistenza mentale.   Nel caso la Bouchard dovesse migliorare questi aspetti, la naturale conseguenza sarebbe un rientro nella top 10.

La quota della Bouchard vincitrice a Wimbledon:41,03*

Louisa Chirico - 20 anni, Stati Uniti

L'ultima giocatrice che merita una valutazione dettagliata è la 20enne Chirico che ha scalato il ranking WTA negli ultimi due mesi.

All'inizio di aprile la statunitense occupava la 124esima posizione, ma grazie a un'ottima stagione sulla terra rossa, è riuscita a guadagnare 50 posizioni e attestarsi al 74esimo posto in due mesi. Tra i risultati migliori annovera gli ottavi di finale al Charleston Premier nel mese di aprile, in cui è entrata nel tabellone principale come wild card, e una magnifica cavalcata fino alle semifinali al Madrid Premier a maggio. Il fatto che sia stata considerata solo leggermente sfavorita conto Venus Williams nel secondo turno degli Open di Francia (quota di chiusura di Pinnacle: 2,25) è un segnale dei suoi miglioramenti. 

Analogamente alla Putintseva, sarà interessante vedere se la Chirico riuscirà a ripetere i successi conseguiti sulla terra rossa anche su altre superfici. Nel caso in cui ci riesca, ha tutte le possibilità per scalare la classifica in futuro.

Se pensiamo a queste giocatrici dal futuro brillante e alle potenzialità di Ana Konjuh (133,83*), Elizaveta Kulichova e Maria Sakkari, tenniste appena fuori dalla top 100, per non parlare della promettente CiCi Bellis, che ha da poco compiuto 17 anni, il futuro del tennis femminile è radioso e gli scommettitori possono aspettarsi diversi nomi nuovi su cui puntare in un futuro molto prossimo.

Pronti per iniziare a scommettere? Consigliamo di non piazzare scommesse su WTA Wimbledon 2016 prima di aver letto Il paradosso delle quote di Serena Williams.

 Apra un conto 

Risorse per le scommesse - Migliora le tue scommesse

La sezione Risorse per le scommesse di Pinnacle è una delle raccolte disponibili online più complete di consigli di esperti sulle scommesse. Organizzata per tutti i livelli di esperienza, il nostro obiettivo è semplicemente quello di permettere agli scommettitori di diventare più esperti.