close
feb 2, 2017
feb 2, 2017

Il criterio di Kelly - L'opinione di un trader ed esperto di scommesse

Il criterio di Kelly è adatto a un fondo di scommesse sportive professionale?

Un'analisi approfondita di uno dei metodi di puntata più popolari

Il criterio di Kelly - L'opinione di un trader ed esperto di scommesse
Basandoci sugli argomenti trattati nella sezione Risorse per le scommesse di molti articoli popolari, è facile comprendere che la saggezza della folla si concentra sull'importanza dei metodi di puntata percepita. La mia esperienza avvalora questo pensiero, pertanto quando mi è stato chiesto di scrivere un articolo riguardo una strategia di scommessa, il criterio di Kelly mi è sembrata una scelta naturale e il metodo perfetto per sottolineare quello che ho imparato a Wall Street e che successivamente ho applicato alle scommesse sportive.

Affidandomi alla mia esperienza decennale come market maker di Wall Street, nel mio libro Trading Bases ho dedicato ampio spazio alla spiegazione delle somiglianze che ho notato tra il mercato NASDAQ, quando ho iniziato a lavorarci nel 1996, e l'industria delle scommesse sportive odierne.

Criterio di Kelly

Metodo popolare di puntata secondo il quale questa deve essere proporzionale al vantaggio percepito.

Nella mia intervista con Pinnacle, era chiaro che la società aveva accolto il comportamento da me indicato come necessario per espandere in maniera efficace l'industria nel suo insieme e, di conseguenza, per attirare una tipologia di scommettitori che si basano sull'analisi, l'approccio che ha portato a un boom di appassionati di poker e dei fantasy sport. Non c'è esempio migliore della politica  Vincitori benvenuti di Pinnacle, oltre alle sue valide spiegazioni del motivo per cui un market maker, qualsiasi sia il mercato di cui si occupa, dovrebbe sfruttare le informazioni in suo possesso, un concetto caro a chi lavora a Wall Street. 

La politica Vincitori benvenuti è rafforzata da una serie di articoli presenti nella sezione Risorse per le scommesse di Pinnacle, una decisione che incoraggia la partecipazione dei clienti al mondo delle scommesse sportive attraverso un processo di apprendimento. Considerando le domande che sono emerse sia durante l'intervista sia da parte dei lettori riguardo le mie strategie di puntata, è evidente che questo sia il luogo giusto per discutere in maniera più approfondita di questo argomento.

Il trading di Wall Street si applica alle scommesse

Prima di entrare nel merito del metodo che uso per scegliere la somma da puntare rispetto il criterio di Kelly (Kelly), usato dalla maggior parte delle persone, è importante capire l'importanza del mescolare idee provenienti da diversi settori e materie. 

Quando ho iniziato a lavorare per lo studio contabile di Arthur Andersen, il reparto di consulenza mi ha mostrato l'importanza di valutare le migliori pratiche utilizzate in diversi settori facendomi notare che la Southwest Airlines aveva migliorato la durata dei voli di andata e ritorno tra le sue rotte analizzando il processo di cambio gomme delle scuderie di NASCAR piuttosto che studiare le altre compagnie aeree.

Negli ultimi dieci anni, un periodo in cui si sono vissuti boom economici e fallimenti storici, il valore di un investimento nell'indice S&P 500 ha fluttuato a una percentuale di 0,85% al giorno.

Per quanto mi riguarda ho arricchito la conversazione con la mia esperienza a Wall Street in cui ho gestito un portfolio di investimenti che non aveva nulla a che fare con le attività sopracitate. Innanzitutto bisogna comprendere che, sebbene chiunque piazzi una scommessa desideri creare un profitto, la grande maggioranza delle scommesse sportive può essere definita come una fonte d'intrattenimento e non come un investimento.

Il resto di questo articolo si concentra sulle scommesse sportive effettuate da un professionista come mezzo di investimento, in alcuni casi con investitori esterni passivi, come nel caso del fondo che ho gestito durante la stagione 2012 di MLB a Las Vegas.

L'importanza della correlazione

La struttura che ho descritto, nel settore finanziario, ricade sotto la categoria di un "asset alternativo". Ad esempio si può scommettere su un numero di aspiranti golfisti che tentano di entrare nel circuito PGA o su un manipolo di giocatori di poker in un torneo, questo tipo di investimento è affascinante per chi ci scommette perché l'eventuale profitto non è correlato ai mercati tradizionali delle azioni o ai bond. Da qui la definizione di "asset alternativi". 

Il fascino di un fondo di investimento sportivo è che investimenti che non hanno alcuna correlazione sono difficili da trovare. Investimenti in vini rari o in fumetti possono sembrare non avere alcun tipo di correlazione con mercati a redditto fisso o di azioni, ma basta che uno di questi subisca una crisi e chi ha investito nei prodotti che ho citato imparerà immediatamente che la correlazione è più profonda di quanto non si possa pensare.

Valutare le scommesse con l'S&P 500

Se quasi tutti i mercati finanziari sono correlati, a che cosa sono correlati, esattamente? Negli Stati Uniti il valore di riferimento rispetto al quale si misurano tutti i beni è l'indice S&P 500. Rappresentando la grande maggioranza dell'economia statunitense, le 500 società che fanno parte dell'S&P 500 creano anche uno strumento su cui è possibile investire, l'equivalente di un concetto decisamente familiare agli scommettitori di baseball che si basano sulle analisi, il sostituto. 

Ad eccezione degli investitori, il concetto del sostituto è ancora più facile da capire di quanto non lo sia nel baseball. L'acquisto di azioni nell'indice S&P 500, attraverso un ETF (Exchange Traded Fund) che accetta liquidità o una società di investimento a capitale variabile, è possibile virtualmente senza alcun costo. Come c'è un'aspettativa sulle prestazioni di base di un sostituito in una partita di baseball, altrettanto si può affermare per i mercati finanziari.

Presupponendo che il vantaggio del 2% sia corretto, le possibilità che il proprio fondo faccia registrare perdite di almeno il 40% entro la fine dell'anno sono del 10%.

Gli investitori possono aspettarsi che l'indice S&P 500, secondo le prestazioni di diversi decenni, abbia un ritorno dell'8% annuo sul lungo termine. 1. Ovviamente, questi profitti non saranno uniformi, le fluttuazioni del mercato e i cicli economici introducono un alto grado di varianza sui profitti nel breve e nel medio periodo per quanto riguarda il mercato azionario e il risultato è un rischio quantificabile.

In sostanza, considerando l'intero spettro degli investimenti finanziari, un profitto previsto più alto prevede un rischio maggiore sul breve termine. Fortunatamente possiamo misurare esattamente questo rischio, o varianza. Negli  ultimi dieci anni, un periodo in cui si sono vissuti boom economici e fallimenti storici, il valore di un investimento nell'indice S&P 500 ha fluttuato a una percentuale di 0,85 al giorno , dati forniti da Bloomberg risultati da quasi 2500 giorni di scambi tra il 2007 e il 2016.

Quindi un profitto annuo previsto dell'8% ha una varianza storica recente di 85 punti base al giorno. Se si riesce a trovare un investimento con un profitto dell'8% con una varianza inferiore, o preferibilmente, un investimento con un profitto superiore all'8% annuo con lo stesso livello di rischio (secondo il punto di riferimento più popolare al mondo per investimenti nel mercato azionario) si è creata un'alternativa superiore a un investimento azionario che si può presentare legittimamente ad altre persone come un investimento fattibile.

Cosa c'è di sbagliato nel criterio di Kelly

Il problema quando si utilizza il criterio di Kelly è che non importa quale sia il profitto previsto calcolato, la propria varianza sarà esageratamente alta e, per come la vedo io, non fattibile.

Prendiamo come esempio la più comune raffigurazione dell'approccio di Kelly nella scelta della puntata di una scommessa, in cui si scommette con la quota 2,00 sul lancio di una moneta, utilizzandone una truccata che ha il 52% di possibilità di cadere sul lato raffigurante testa. Il criterio di Kelly suggerisce di puntare il 4% delle proprie risorse su testa. Empiricamente questa puntata migliora i profitti, ma ha come risultato un livello di varianza inaccettabile se si sta tentando di gestire in maniera professionale un fondo di scommesse sportive per dei clienti.

Guarda la cronologia delle tue scommesse su un lungo periodo di tempo, preferibilmente su 250 giorni di scommesse attive e calcola qual è la somma puntata che produce una varianza quotidiana di 85 punti base.

Il mercato azionario è aperto 250 giorni all'anno e se scommetti sul baseball quotidianamente, dal giorno in cui inizia il campionato alle World Series, hai la possibilità di scegliere di puntare su quasi 2500 partite. Immagina di trovare una partita con un profitto del 2% ogni giorno. Dopo 250 giorni, ipotizzando che il 2% che hai trovato sia corretto(cosa che realisticamente può avvenire contando le carte del blackjack piuttosto che creando un modello per i pronostici sportivi, ma questa è un'altra storia), le possibilità che il tuo fondo faccia registrare perdite di almeno il 40% entro la fine dell'anno sono del 10%. Questo, per ripetere quanto ho detto nel paragrafo precedente, è inaccettabile se si utilizza come strumento d'investimento.

Non posso dire quale debba essere con esattezza il valore della tua puntata, questa varia dal vantaggio previsto, dalla sua varianza, dal numero di scommesse piazzate, ecc., quello che posso dirti è come valutare i tuoi risultati, osservandoli in un secondo momento. Guarda la cronologia delle tue scommesse su un lungo periodo di tempo, preferibilmente su 250 giorni di scommesse attive e calcola qual è la somma puntata che produce una varianza quotidiana di 85 punti base. Se i tuoi profitti, che hai fatto registrare utilizzando una strategia di puntata, sono superiori all'8% allora potresti aver creato un asset alternativo che si può utilizzare per attirare l'attenzione di investitori esterni. 

Il criterio di Kelly e la gestione del rischio

Un'ulteriore riflessione sul criterio di Kelly che si riferisce alla gestione del rischio Un vantaggio del 2% è significativo, gli imperi del casinò hanno creato le loro fortune su un vantaggio simile. Ad esempio la ruota della roulette standard a 38 numeri offre al banco un vantaggio del 2,6% su una scommessa a quota 2,00. In questo caso il criterio di Kelly sostiene che la puntata ideale non sia del 4%, ma equivalga al 5,2% delle proprie risorse.

La Wynn Resorts Corporation vale più di 9 miliardi di dollari nella sua capitalizzazione azionaria, MGM Resorts International vale oltre i 16 miliardi di dollari. 
Secondo te Steve Wynn ha mai permesso a qualcuno di entrare nel suo casinò, andare diretto al tavolo della roulette e giocare 500 milioni di dollari sul nero? Warren Buffet potrebbe piazzare una scommessa di quasi un miliardo in un casinò della MGM? No, ed è lo stesso motivo per cui, se piazzi scommesse sportive in maniera seria per te stesso o a nome di qualcun altro, non dovresti mai affidarti alla formula di Kelly per stabilire la tua puntata.

Riferimenti:

1. Il profitto ventennale dell'S&P 500 mostra un profitto annuo del 7,59% 
, generalmente un rendimento dell'8% è l'aspettativa standard di ogni settore.

Pagina principale RPLS
Applica il criterio di Kelly alle scommesse ora
  • Tags
Joe è un ex trader di Wall Street e autore della sua biografia, diventata un bestseller, Trading Bases: A Story About Wall Street, Gambling, and Baseball. Il suo libro analizza la sovrapposizione delle analisi dei dati che esiste nel settore finanziario, in quello delle scommesse sportive e il modo in cui sono stati resi famosi da Moneyball e dalla Major League Baseball. Il libro ha ricevuto il consenso generale della critica ed è diventato un bestseller in diverse categorie, nel 2013 Trading Bases è stato nominato nei migliori 10 libri nella categoria Business da Amazon.com, nella categoria Sport da Publisher's Weekly e nella categoria Saggistica da Fortune.
Risorse per le scommesse - Migliora le tue scommesse

La sezione Risorse per le scommesse di Pinnacle è una delle raccolte disponibili online più complete di consigli di esperti sulle scommesse. Organizzata per tutti i livelli di esperienza, il nostro obiettivo è semplicemente quello di permettere agli scommettitori di diventare più esperti.